La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Da Torre dell'Orso a Otranto per la costa

 

Distanza:  20,4 Km    Tempo di percorrenza: 5  h    (MTB 2,5 h)

 

Difficoltà: -trekking: E    MTB: BC

 

GPS download:Da Torre dell'Orso a Otranto per la costa

Da Torre dell'Orso a Otranto per la costaDa Torre dell'Orso a Otranto per la costa

 

 

Percorso & Cultura:

Il  percorso è un misto di sentiero su costa alta arenile e brevi tratti su stradine asfaltate includendo i tratti cittadini alla partenza di Torre dell’Orso e all’arrivo a Otranto.

La costa in questo tratto di Salento è estremamente bella e altrettanto belli sono quel paio di boschi che si attraverseranno nei pressi di Torre Sant'Andrea e Baia dei Turchii.

L’itinerario ha inizio nei pressi della Torre dell’Orso nella cittadina omonima, nei pressi di via Matteotti e procede per Via Risorgimento.

Nella periferia della città, superato un boschetto di pini si accede alla scogliera Noglio, alta sul mare in vista delle “Due Sorelle”. Da qui, per la costa si giunge prima alla grotta dell’Acqua Dolce e poi alla grotta Ronzu Beddu. Si procede quindi per qualche centinaio di metri per giungere ai bei faraglioni di Torre Sant’Andrea. Si lascia qui a sinistra la bella spiaggia per proseguire su una scogliera che via via va degradando al livello del mare per giungere in breve alla spiaggia e brughiera di Torre Specchiulla.

Da qui è un susseguirsi di spiagge (San Giorgio,Frassanito,Lido Acqua Chiara,Lido Tropea) fino a giungere agli Alimini.

Allo sbocco in mare dei Laghi Alimini, in corrispondenza di un ponte sulla SP 366, si procede verso sud attraversando il ponte e, subito dopo, in corrispondenza dell’Hotel Universo, ad una biforcazione della stradicciola, si prende a destra per lo sterrato che si immerge nel bosco di pini. Si procede per qualche centinaio di metri fino a incrociare uno sterrati che piega a 90° a sinistra verso la costa. Siamo giunti alla Baia dei Turchi (dove nel 1480 sbarcarono i turchi per condurre prima l’assedio e poi il saccheggio della citta di Otranto) che si percorre in direzione Sud. Alla fine della spiaggia, si piega a destra verso uno sterrato che si immerge in un bosco. Si attraversa un grande parcheggi estivo (alla nostra destra) e, successivamente, su strada asfaltata, un tratto urbanizzato tra il mare (dove insiste l’ex club Mediterranee) e il lago Alimini Piccolo.

Procedendo verso Sud il percorso piega ancora verso il mare attraverso uno sterrato per giungere a uno dei tratti più belli del percorso (Grotta dell’Eremita, Grotta Monaca, Mulino d’Acqua).

Giunti al centro balneare Dolceriva, si abbandona la costa e attraverso la via Cerra in breve si raggiunge (tratto asfaltato) la periferia di Otranto dove si prende per via Antonio Sforza che ci riporta verso le belle spiagge della “La Punta” di Otranto e da qui, per via Mori prima, poi per la Riviera degli Hatey e il Lungomare fino al monumento agli eroi e martiri del 1480 dove ha fine il nostro percorso.

 

 Foto:

 

 

 

 Costa a Torre Sant'AndreaCosta a Torre Sant'Andrea

 

Tra Torre dell'Orso e Torre Sant'AndreaTra Torre dell'Orso e Torre Sant'Andrea 

 

 

 

 

 

 

 

 

La costa dopo Torre Sant'AndreaLa costa dopo Torre Sant'Andrea 

 

 

 Mulino d'acqua verso OtrantoMulino d'acqua verso Otranto