La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Fauna del Salento

 

Per quanto concerne la fauna del Salento vi si possono annoverare numerose specie di uccelli quali la gru, l'airone grigio (Ardea cinerea), il germano reale (Anas platyrhynchos), il tarabuso (Botaurus stellaris), la ghiandaia marina (Coracias garrulus), il fistione turco (Netta rufina), il gheppio (Falco tinnunculus), nonché numerose specie di rettili, come lucertole e gechi, di mammiferi, quali ricci, volpi e faine, e di artropodi, quali scorpioni, tarante e lepidotteri come ad esempio Amata phegea[8]. Nel 2010 è stata ufficialmente riconosciuta a livello nazionale una nuova razza di canarino comune, il Canarino salentino ottenuto dall'incrocio casuale di un maschio di ciuffato tedesco e una femmina di bossù belga.

 

Ghiandaia marina

Ghiandaia marinaGhiandaia marinaIl petto e il ventre sono azzurro turchese come il capo mentre il dorso è castano chiaro. La coda è blu verdastra. In volo le ali sono molto appariscenti, di colore blu, con bordi neri.

Con l’arrivo della primavera questo uccello abbandona il territorio invernale in Africa e si dirige verso l’Europa dove stabilisce il suo territorio di nidificazione e riproduzione. Il loro arrivo in Europa coincide con l’inizio della primavera, quando gli invertebrati, che costituiscono la loro dieta, sono più abbondanti nei campi. Verso la metà dell’estate migrano ancora in Africa, con i nuovi nati e si possono osservare in piccoli stormi.

 

Tarabuso

TarabusoTarabuso Il tarabuso è un uccello solitario e di difficile avvistamento in              Italia. Le sue dimensioni sono ragguardevoli (75 cm) peso oltre 1        kg apertura alare oltre 1 metro.

 Fa un verso simile al muggito che lo rende riconoscibile a distanza.  Nidifica nei canneti e paludi.

 

Fistone turco

Fistone turcoFistone turco Questo uccello è monotipico (non presenta sottospecie). Il maschio adulto ha una testa arrotondata di colore arancione mentre il becco è rosso e il petto è nero.I fianchi sono bianchi, dorso bruno e coda nera. La femmina è quasi tutta bruno pallida ma con un dorso più scuro con testa biancastra. Oltre che in Turchia (da cui il nome) lo si trova anche in Europa,Asia e Africa. in italia è presente anche in     Puglia, sempre in vicinanza dell'acqua.Essendo il suo habitat le paludi, si può avvistare ai laghi Alimini, al parco delle Cesine etc. Essendo migratori, gli uccelli settentrionali tendono a svernare nelle zone più a sud e nel Nordafrica. Mangiano piante acquatiche o in superficie o immergendosi e nuotando sott'acqua.

 

 Gheppio comune

Gheppio comuneGheppio comune


E' un rapace (falco tinnunculus) molto diffuso in Europa centrale e spesso vive anche in città. Ha un caratteristico volo oscillante. L'epiteto specifico (tinnunculus: che risuona, che tintinna) rimanda al suo caratteristico verso che assomiglia ad un ti ti ti ti. Il maschio presenta una testa color grigio chiaro. Le ali sono rossastre con macchie scure. la coda è di colore grigio chiaro con tratto finale nero e bordatura bianca. La pancia ha un colore crema chiaro. La femmina invece presenta una testa rosso mattone come la coda che presenta anche per la femmina un tratto finale nero. La pezzatura della femmina è più grande rispetto al maschio con una apertura alare di 74/78 cm.e un peso di 200/220 grammi.Come tutti i falconiformi, hanno 15 vertebre sul collo che gli permettono una rotazione di 180° stando immobili.In volo hanno un aspetto caratteristico, detta a "Spirito Santo": fermo in aria, con piccoli battiti delle ali, coda aperta a ventaglio, sfruttando il vento per mantenersi stabile e osservare il suolo in cerca di prede.

 

 Germano reale

Germano realeGermano reale

Specie caratterizzata da dimorfismo sessuale: maschi e femmine sono uguali nella forma ma  differiscono nel colore del piumaggio. Il maschio compie nell’anno ben due mute. Il capo e la parte superiore del collo sono di colore verde iridescente con uno stretto collare bianco a metà del collo. I fianchi e il ventre sono argentati. Al termine della stagione riproduttiva, fine estate avviene la seconda muta e il piumaggio del maschio assomiglia a quello della femmina.

La femmina ha colori mimetizzanti macchiata di bruno e marrone                                                 scuro.

Airone Cenerino

Airone cenerinoAirone cenerino

Originario delle regioni temperate, oltre che dell’Africa, è la specie che si spinge più a Nord tanto che in estate si può incontrarlo anche in Norvegia. Di notevoli dimensioni (90/100 cm). L’aperura alare può raggiungere 1,70 metri. Piumaggio di colore grigio nella parte superiore e bianco nella parte inferiore. Zampe e becco gialli. L’adulto ha piume nere sul collo e un ciuffo nucale nero molto evidente. Non ci sonno caratterizzazioni per differenziare la femmina dal maschio se non le dimensioni. Può raggiungere i 25 anni di vita.Non essendo migratore inizia a costruire il suo nido in Febbraio. Le uova sono 4 o 5 per nido e covate per 25 giorni. I giovani vengono nutriti nel nido per 50 giorni.