La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Otranto (porto) alla baia dell'Orte Otranto

 

Distanza: 8,7 Km    Tempo di percorrenza: 4h

Difficoltà:-trekking: E    MTB: OC

 

GPS download:Da Otranto (porto) ala baia dell'Orte e ritorno

Otranto Baia dell'Orte OtrantoOtranto Baia dell'Orte Otranto 

 

 

 Percorso & Cultura:

Percorso di 8,7 chilometri sterrato e pochissimo asfalto che inizia dal porto di Otranto per giungere alla baia dell’Orte e da qui, dopo avere percorso un primo tratto de sentiero verso Punta Palascia, salire nel boschetto che sovrasta la falesia e, dopo essere passati dalla ex cava di bauxite, fare ritorno a Otranto.

Può essere una buona alternativa al percorso circolare che arriva fino alla Punta Palascia in quanto più breve e inoltre evita il percorso su scogliera nei pressi del faro che è percorribile da escursionisti esperti (EE secondo la classificazione C.A.I.

 

Parcheggiare l’auto nei pressi del porto e raggiungere il mare in corrispondenza di una serie di archi in muratura prospicienti la battigia. Da qui prendere a destra addentrandosi tra le molte tracce di sentiero che sono visibili lungo il percorso. Saremo subito in vista della Torre del Serpe che raggiungiamo per una breve salita. Aggiriamo la torre in senso antiorario e riguadagniamo il percorso verso il promontorio che delimita la baia dell’Orte nel punto in cui insistono una vecchia masseria e resti di fortificazioni della seconda guerra mondiale. Da qui inizia la discesa verso a baia lungo la costa in prossimità del mare. Nel cuore della baia, dove la costa degrada nel suo punto più basso, arriveremo in breve ad un centro diving che superiamo dirigendoci verso la Punta Palascia.

Seguire il sentiero ben visibile tra prato e roccette affioranti per circa 800 metri dopo avere superato una casamatta della seconda guerra mondiale per prendere ,alla nostra destra, una piccola traccia di sentiero che sale verso il boschetto che sovrasta la falesia. Fate attenzione perché questo è l’unico tratto un po’ difficile di tutto il percorso e i bikers dovranno portarsi a spalla la bici (non più lungo comunque di 100 metri). Vi troverete in breve su un pianoro nel bosco che seguite a destra in direzione Nord. Proseguendo si lascia il boschetto per una zona a bassa boscaglia e radi pini marittimi sino ad arrivare alla ex cava di bauxite.

Proseguendo in direzione Nord per uno sterrato si giungerà ad un incrocio con la SP358, lo si attraversa per immettersi in una stradina in discesa che in breve raggiunge, siamo già alla periferia di Otranto, Santa Maria dei Martiri per poi scendere ancora verso un ponte in pietra da cui, a destra si raggiunge la piccola cappella di Santa Maria del Passo, nei pressi del porto, dove termina il nostro percorso.

 

 

Foto:

 Spiaggetta nella baia di OrteSpiaggetta nella baia di Orte

 Sentiero verso la torre del SerpeSentiero verso la torre del Serpe

 Panorama sulla baia di OrtePanorama sulla baia di Orte